aloe arborescens

Aloe Arborescens: le sue straordinarie proprietà antitumorali

Pubblicato il: 3 febbraio 2017

aloe arborescens

Aloe Arborescens: le sue straordinarie proprietà antitumorali

Forse non tutti sanno che l’Aloe si presenta con alcune centinaia di specie. Tra queste la più conosciuta, oltre all’Aloe Vera, è l’Aloe Arborescens, varietà dalle straordinarie virtù terapeutiche a livello immunitario.

Aloe Arborescens e Aloe Vera sono piante grasse appartenenti alla famiglia delle Aloacee. Solitamente vengono utilizzate come piante ornamentali o come piante medicinali per le note proprietà benefiche. Il grande entusiasmo che da secoli ha caratterizzato l’uso dell’Aloe per motivazioni alimentari, salutistiche, cosmetiche e fitoterapiche ha dato luogo ad una larga diffusione di questa pianta officinale anche nella medicina popolare. Ma è solo dagli anni ’40 però è iniziata un’intensa attività di ricerca analitica, che ha permesso di stabilire quali-quantitativamente le diverse proprietà molecolari e le caratteristiche chimico-fisiche e biochimico-nutrizionali di questa pianta.

Nello specifico, recenti ricerche sull’Aloe Arborescens hanno permesso infatti di arricchire le conoscenze sulla sua composizione chimica giungendo alla conclusione che, essendo ricca di tantissimi nutrienti quali vitamine, sali minerali, fosfolipidi, amminoacidi, enzimi, mucopolisaccaridi, svolge importanti azioni a livello depurativo/purificante, digestivo, emolliente, lenitivo, immunomodulante.

L’utilizzo dell’Aloe Arborescens nell’interezza delle sue parti, offre una serie di proprietà terapeutiche riassumibili in:

  • Antiossidanti
  • Antinvecchiamento
  • Antinfiammatorie ed analgesiche
  • Cicatrizzanti
  • Immunomodulatrici
  • Ipoglicemizzanti
  • Antitumorali

Ma perché l’aloe Arborescens svolge un’azione così importante a livello immunitario?

Ormai da tempo ricercatori di tutto il mondo stanno valutando con attenzione gli effetti sull’organismo di alcune sostanze contenute in questa pianta. La maggior parte degli studi, condotti in vitro o in vivo, su particolari modelli sperimentali di cellule animali, hanno evidenziato risultati sorprendenti. Così come anche studi clinici incentrati sul completamento alimentare coadiuvante i trattamenti standard su pazienti realmente affetti da cancro, hanno evidenziato importanti benefici. Tra i numerosi composti attivi presenti nell’Aloe, infatti, alcune molecole come l’Acemannano o l’Aloeride, stimolerebbero il sistema immunitario umano. Così come l’Emodina, contenuta nelle foglie di questa pianta, bloccherebbe in vitro la crescita delle cellule, stimolando l’apoptosi ossia il processo di “morte programmata” delle cellule, fondamentale nel processo di guarigione poiché permetterebbe all’organismo di eliminare le cellule tumorali.