zafferano

Zafferano, la spezia amica dell’umore e della fame nervosa

Pubblicato il: 26 maggio 2017

zafferano

Zafferano, la spezia amica dell’umore e della fame nervosa

È la spezia più costosa al mondo. Definito anche l’oro rosso proprio per il suo costo elevato, lo zafferano viene usato principalmente in cucina per colorare ed insaporire le pietanze. Quello che non sai è che possiede anche numerose proprietà benefiche che regolano il tono dell’umore e la fame nervosa.

Lo Zafferano (Crocus Sativus) è da sempre ingrediente prediletto nella cucina mediterranea. Solitamente lo si abbina nella preparazione di piatti raffinati per il suo colore giallo-oro e per il suo gusto particolarmente delicato. Da circa un decennio è anche oggetto di studio per le sue potenzialità di impiego a supporto delle terapie legate al tono dell’umore. Tutte le virtù dello Zafferano sono infatti racchiuse in piccoli filamenti (definiti stimmi), contenuti al centro della corolla, che contendono circa 150 sostanze di cui quattro particolarmente attive: crocetina, α-crocina, picrocrocina e safranale, appartenenti tutte alla famiglia dei carotenoidi. Inoltre lo Zafferano è anche ricco di vitamine A, B1 (tiamina) e B2 (riboflavina).

In che modo lo Zafferano apporta benefici a livello celebrale?

Tra tutte le sostanze contenute nello Zafferano, il safranale, in particolare, è il composto organico in grado di influenzare positivamente l’attività celebrale. Per questa ragione viene utilizzato in maniera frequente in fitoterapia per trattare i disturbi legati all’umore. I suoi principi attivi, infatti, agiscono come sedativo e antispasmodico regolando la produzione di alcuni neurotrasmettitori celebrali (come dopamina, noradrenalina e serotonina), responsabili del tono dell’umore.

Un aiuto contro la fame nervosa

I ritmi pressanti della vita quotidiana, le tensioni in ambito lavorativo e i problemi familiari, concorrono in maniera frequente a determinare una situazione di stress. Questo stato di malessere spesso è accompagnato da disturbi del sonno, ansia, irritabilità, sbalzi di umore che si manifestano con la cosiddetta “fame nervosa”. In questa condizione, infatti, il nostro cervello ci spinge a mangiare senza alcun motivo, recependo il cibo come un potente calmante in grado di compensare l’insoddisfazione provata in quel momento. C’è un modo per interrompere questa spirale negativa? Ovviamente si dovrebbe partire dall’eliminare le cause di stress. Nel frattempo, però, è possibile intervenire attraverso l’assunzione dei cosiddetti soppressori dell’appetito o antifame, che supportano la perdita di peso in maniera naturale semplicemente riducendo l’appetito e l’impulso di mangiare. In questo processo, studi clinici, dimostrano che l’estratto di Zafferano può essere un valido aiuto per prevenire la fame nervosa poiché aumenta il livello di serotonina, sostanza responsabile della regolazione del tono dell’umore. Maggiori saranno i livelli di serotonina, più il nostro cervello recepirà una piacevole sensazione di sollievo.

Hai necessità di controllare il senso della fame? Scopri la linea Dietokal.